Continuando la navigazione, accettate l’utilizzo di cookie o di tecnologie analoghe che utilizziamo anche di terza parte, per la buona navigazione di questo sito, la diffusione di pubblicità mirata e di contenuti pertinenti ai vostri interessi nonché alle analisi di utilizzo del sito. Per migliorare continuamente la protezione dei vostri dati personali, abbiamo aggiornato la nostra politica di riservatezza Per maggiori informazioni

Un attore responsabile

grosfillex_une_production_responsable.jp

Da sempre eco-responsabile, il gruppo Grosfillex ha saputo mettere il suo spirito pioneristico al servizio dello sviluppo, sostenibile, nel suo materiale e nei suoi processi di trasformazione. 

Dal punto di vista del materiale, il cadmio è stato eliminato dalle formulazioni fin dal 1996 ed il piombo sostituito dal calcio-zinco a partire dal 2003, iniziativa approvata dal CSTB lo stesso anno.

Oggi tutte le materie prime utilizzate sono conformi ai requisiti Reach che garantiscono dei prodotti senza pericolo per l'utilizzatore, e sono 100% riciclabili.

Rivolto al futuro e leader, Grosfillex è a capo del gruppo di ricerca SYRIMAP (ignifugazione ecocompatibile), progetto sovvenzionato che totalizza 4 milioni di euro d'investimento. Partecipa anche al piano Vinyl Plus che punta a raggiungere 800.000 tonnellate di PVC riciclati nel 2020.

Dal punto di vista dei processi, il gruppo è impegnato nell'iniziativa Bilan Carbone dell’ADEME dal 2008, e prosegue un piano d'azione per ridurre i suoi GES del 34% (ristrutturazione dei tetti, presse idrauliche a portata variabile…). 

Grosfillex non consuma acqua grazie ad un circuito chiuso di raffreddamento da 1000m3/ora e non genera alcuno scarto di produzione grazie alla sua granulazione ed al suo riciclaggio (4200 tonnellate/anno).

Grazie a degli investimenti in gruppi frigoriferi, l'azienda riesce a recuperare 6000kW di calorie sprigionate dalla fabbricazione per riscaldare i suoi locali industriali e così ridurre la sua bolletta energetica.

Altre iniziative come il co-trasporto dei dipendenti o la collocazione di depositi satelliti nei paesi dove viene regolarmente consegnata la merce contribuiscono anche alla riduzione dell'impronta ecologica..