Continuando la navigazione, accettate l’utilizzo di cookie o di tecnologie analoghe che utilizziamo anche di terza parte, per la buona navigazione di questo sito, la diffusione di pubblicità mirata e di contenuti pertinenti ai vostri interessi nonché alle analisi di utilizzo del sito. Per migliorare continuamente la protezione dei vostri dati personali, abbiamo aggiornato la nostra politica di riservatezza Per maggiori informazioni

Un attore responsabile

grosfillex_une_production_responsable.jp

Da sempre eco-responsabile, il gruppo Grosfillex ha saputo mettere il suo spirito pioneristico al servizio dello sviluppo, sostenibile, nel suo materiale e nei suoi processi di trasformazione. 

Dal punto di vista del materiale, il cadmio è stato eliminato dalle formulazioni fin dal 1996 ed il piombo sostituito dal calcio-zinco a partire dal 2003, iniziativa approvata dal CSTB lo stesso anno.

Oggi tutte le materie prime utilizzate sono conformi ai requisiti Reach che garantiscono dei prodotti senza pericolo per l'utilizzatore, e sono 100% riciclabili.

Rivolto al futuro e leader, Grosfillex è a capo del gruppo di ricerca SYRIMAP (ignifugazione ecocompatibile), progetto sovvenzionato che totalizza 4 milioni di euro d'investimento.

In tutti i siti di produzione francesi, l’illuminazione è stata ammodernata coi LED e dal punto di vista del processo, l’intero raffreddamento delle attrezzature industriali verrà prodotto entro la fine del 2019 da impianti di ultima generazione senza GES  (Gas Effetto Serra) ed energicamente performanti.

Inoltre, in collaborazione con EDF, il gruppo persegue un PPE - Plan de Performances Energétiques (piano di rendimento energetico) - che gli consenta di ridurre i consumi energetici (variazione di velocità, ottimizzazione dell’uso dell’aria compressa, massimizzazione del recupero delle calorie sprigionate dal processo che vengono utilizzate per riscaldare i locali industriali…).

Grosfillex ha ridotto al minimo il consumo d’acqua grazie a circuiti di raffreddamento chiusi e specifici e non genera alcun rifiuto collegato agli scarti di produzione grazie alla cernita e ad impianti interni di riciclaggio e rigenerazione che consentono un riutilizzo delle materie prime. Tutti gli altri rifiuti aziendali sono anch’essi selezionati a fini di recupero.

Altre iniziative, come il trasporto collettivo dei dipendenti ed il car pooling o la creazione di depositi satelliti nei paesi europei dove viene regolarmente consegnata la merce, contribuiscono anche alla riduzione dell'impronta ecologica.